La nostra Storia

 

La nostra storia

E’  indubbio che uno dei nostri punti di forza è la struttura sede dell' Istituto.

Fin dal 1893 era cominciata a maturare l’idea di costruire in Anticoli (nome antico della nostra città)  un grande complesso alberghiero, idea che si concretizzò qualche decennio dopo attraverso varie vicende. La famiglia GERANI, proprietaria dei terreni, affidò la progettazione dell’opera all’architetto GIOVAN BATTISTA GIOVENALE – nato a Roma nel 1849 e morto nel 1934 – noto restauratore, tra gli iniziatori a Roma del revival Barocco,  progettista di importanti opere tra le quali la cripta di S. Cecilia in Trastevere, il restauro della chiesa di S. Maria in Cosmedin, i palazzi Siemens e Wedekind in Piazza Colonna ed altri ancora.

La prima pietra fu posta nel 1908 e l’ultimazione fu portata a termine nel 1910. Il fabbricato risultava composto da due costruzioni delle quali la prima nasce come struttura alberghiera (la nostra sede) , l’altra come teatro comunale.

L’esterno e l’interno dell’Istituto Alberghiero si sono conservati molto bene, nonostante le varie vicissitudini subite fra le quali la requisizione da parte delle autorità dello Stato per destinarlo a centro raccolto internati tripolini prima, di prigionia degli inglesi da parte dei tedeschi poi, ancora a smistamento profughi dal fronte di Cassino ed infine ad ospitare gli Uffici della Provincia di Frosinone, trasferita a Fiuggi, durante gli anni 1944-1945 e il seguente periodo di abbandono. Si può, infatti, ancora ammirare il Salone delle feste con la sua ricca decorazione a stucco e gli artistici lampadari.

La proprietà del complesso era passata in proprietà agli eredi di ELIA FEDERICI di Roma e stava andando in un grave deperimento anche a discapito dell’aspetto urbanistico e architettonico della città per cui forti erano le pressioni dell'opinione pubblica perché il Comune provvedesse all’acquisto ed alla ristrutturazione. Nei primi anni '60, sindaco RENZO SILVESTRI, si deliberò l’acquisto dell’immobile per la cifra di 60 milioni di Lire finanziato da un mutuo di pari importo concesso dalla Cassa Depositi e Prestiti. In considerazionepoi del fatto che l’intero immobile aveva subito notevoli danni e distruzioni a causa degli eventi bellici, il Comune ottenne anche cospicui risarcimenti dello Stato proprio per la riparazione di danni  di guerra, risarcimenti il cui importo contribuì notevolmente alla sua ristrutturazione e adattamento alle nuove esigenze con la destinazione ad Istituto Alberghiero di Stato una parte e l’altra a Teatro Comunale.

Al di là delle vicissitudini subite dal complesso dobbiamo però ricordare come nei primi anni del suo funzionamento, oltre che ad esservi una casa di gioco tollerata dalle autorità, rappresentò un faro di splendore liberty e di promozione turistica - artistica perché esso divenne il centro della politica e mondana italiana, in quanto solo a Fiuggi era possibile incontrare gli esponenti della nobiltà lombarda, veneta, napoletana e siciliana, con i nomi più autorevoli del Patriziato Romano. Così come era possibile incontrare oltre agli esponenti della politica, della diplomazia e un vasto mondo ormai scomparso cioè i nomi più belli dell’arte e della cultura, tra cui RUGGERO LEONCAVALLO, TITO SCHIPA, che debuttò per la prima volta proprio nel nostro teatro, TITTA RUFFO, ETTORE PETROLINI, TRILUSSA nonché i divi del teatro di allora: ARMANDO GILLI, PASQUARIELLO, ALFREDO DEL PELO, ALFREDO BAMBI, RAFFAELE VIVIANI il celebre trasformista, LEOPOLDO FREGOLI. Né mancarono i nomi più noti del giornalismo italiano da SALVATORE BARZILAI ad ALFREDO BERGAMINI, da OLINDO MALAGODI a TULLIO GIORDANA, da LUIGI CESANA a TOMMASO SMITH e MATILDE SERAO.

L’ inaugurazione dell’ Istituto Professionale Alberghiero

 L’ istruzione professionale degli studenti per le attività alberghiere veniva impartita, fin dal 1956, attraverso corsi di formazione gestiti da vari organismi sindacali; Tali corsi si svolgevano negli alberghi di Fiuggi ed erano frequentati da molti giovani provenienti anche da paesi vicini ai quali, a fine corso, veniva rilasciato un attestato di frequenza e di abilitazione alla professione.

Da anni l’ Amministrazione Comunale richiedeva al Ministero della Pubblica Istruzione l’ istituzione in Fiuggi di un vero istituto scolastico statale tanto è vero che tale aspirazione era stata inserita tra le clausole contrattuali tra il Comune e l’Ente Fiuggi.

Finalmente nell’ ottobre 1962 venne a concretizzarsi la legittima aspettativa di avere a  Fiuggi una scuola professionale che preparasse i giovani per le attività alberghiere e di amministrazione.

La sede dell’ Istituto venne ubicata presso l’ albergo del Cacciatore in via A. Diaz dove iniziarono le lezioni per l’anno scolastico 1962/63 con il funzionamento di tre sezioni:

1) per addetti ai servizi alberghieri di cucina: durata anni 2;

2) per addetti ai servizi di sala-bar: durata anni 2

3)per addetti ai servizi di segreteria e di amministrazione d’ albergo: durata anni 3.

L’istituzione della scuola si ebbe anche per il caloroso interessamento dell’ allora Provveditore agli studi della provincia il quale aveva compreso le esigenze di Fiuggi quale località alberghiera di notevole importanza.

Il Sindaco Silvestri, intendendo valorizzare la scuola nascente e darle una sistemazione più decorosa, si impegnò a prendere in affitto l’albergo Excelsior ove avrebbe fatto funzionare anche il convitto per studenti provenienti dagli altri centri, nell’ attesa di provvedere alla sistemazione e alla ristrutturazione del complesso ex Grand-Hotel dove sarebbe stata definitivamente collocata la scuola con tutte le sue strutture ricettive, educative e di esercitazione.

Il sogno si realizzò nell’anno scolastico 1968/69.

Oggi, quindi, l’ex Grand Hotel di Fiuggi ristrutturato una prima volta proprio in quegli anni e poi nel periodo 1995/97, è sede di uno dei più apprezzati Istituti alberghieri d’Italia, l’Ipsseoa “Michelangelo Buonarroti” e costituisce un punto importante per manifestazioni, convegni, mostre e, soprattutto, per lo sviluppo della preparazione professionale di molti giovani che si dedicano alle attività alberghiere e turistiche.

 

facciata 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter

Su questo sito utilizziamo i cookies. Navigando accetti